<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=703708&amp;fmt=gif">

Nerve: la piattaforma di TTTech per l'IIoT

28/05/2019 da HYDAC, pubblicato in Digitalizzazione dell'oleodinamica

Nerve: la piattaforma di TTTech per l'IIoT

Posted by HYDAC on 28/05/2019

L’Industrial Internet of Things (IIoT) è un termine sempre più in voga, ma quante e quali sono le soluzioni effettivamente disponibili per rispondere alle esigenze di un mercato in continua crescita? L’automazione industriale, attualmente, si trova a interfacciarsi con una continua e rapida variazione della domanda di mercato, a fronte di una struttura industriale rigida e poco flessibile. Così, l’attenzione è rivolta verso nuovi sistemi di automazione industriale con una struttura operativa tale da garantire livelli di servizio comparabili a quelli dei sistemi informativi. Ne parliamo in questo articolo. 


Industria 4.0  

Tra le soluzioni di TTTech, azienda leader nel settore industriale e dei trasporti automatizzati e partner di HYDAC nello sviluppo di soluzioni di ultima generazione, di rilevante spicco risulta Nerve, piattaforma industriale operante su diversi livelli del classico modello piramidale di automazione, col fine di raccogliere, visualizzare, analizzare ed elaborare dati di produzione a bordo macchina o da remoto nel massimo della sicurezza informatica.

Se per il mondo mobile, la soluzione TTConnect Wave (di cui abbiamo parlato all'articolo TTConnect Wave e TTConnect Cloud Service: le soluzioni HYDAC per connettere i mezzi al cloud) offre la possibilità di connettere i veicoli e gestirli da cloud, il Nerve offre al mondo industriale, macchine utensili, impianti di processo e così via, la possibilità di diagnostica, monitoraggio e raccolta dati smart, oltre ad avere un’intelligenza computazionale a bordo. In sostanza, questa soluzione strizza l’occhio all’IIoT.

 

La piattaforma Nerve e i suoi elementi costitutivi

La piattaforma Nerve comprende tre elementi strettamente integrati: un fogNode che costituisce la parte hardware, un fogOS (Operative System) e un fogSM (System Manager) che ne costituiscono la parte software.

  • L’hardware fogNode è un dispositivo di edge computing progettato per ambiente industriale, dotato di processore Intel Atom x5, RAM da 4 o 8 GB e archivio SSD fino a 512 GB; supporta la connettività di diversi bus di campo e protocolli di comunicazione industriale, incluso Ethernet di tipo deterministico.
  • Il sistema operativo fogOS offre una piattaforma software sicura per ospitare macchine virtuali, applicazioni e il system manager. Dotato di una interfaccia aperta, permette la comunicazione con i dispositivi di campo connessi e con i servizi di Cloud computing.
  • Il system manager fogSM, eseguito localmente o da remoto nel Cloud, permette l’aggiornamento e la visualizzazione in tempo reale dei dati e la distribuzione delle applicazioni sul fogNode. 

Il Nerve nella piramide dell’automazione

La piattaforma Nerve, per le peculiarità citate, permette di far convergere in un unico dispositivo più funzionalità: quelle di un PC industriale, di un PLC, di un gateway, di un firewall. Opera quindi su più livelli del modello piramidale di automazione industriale, dal livello di controllo a quello di gestione, interfacciandosi o sostituendosi ad un PLC, visualizzando ed elaborando dati, relazionandosi con sistemi SCADA e MES. Inoltre, spostando verso i livelli più bassi della piramide dell’automazione le risorse computazionali condivise in rete, la piattaforma Nerve rappresenta un gancio tra i dispositivi di campo e il cloud, risponde perfettamente al paradigma del Fog Computing.

Vuoi approfondire questa soluzione? Guarda il video!

 

Vantaggi e applicazioni

Nerve introduce molteplici vantaggi sia nel modello produttivo che in quello gestionale: primo tra tutti la possibilità di avere un dispositivo polifunzionale e versatile; segue quello dell’interoperabilità, ossia la possibilità di comunicazione, in modo assolutamente sicuro, con diversi dispositivi di campo e sistemi gestionali, fino alle risorse computazionali distribuite in rete; infine, il modello di automazione di tipo centralizzato della piattaforma Nerve rende possibile e immediata la diagnostica e la manutenzione da remoto della macchina o dell’impianto. 

In ambito oleodinamico, la capacità di questa piattaforma di raccogliere ed elaborare informazioni potrebbe rappresentare un asset strategico aziendale per l’ottimizzazione dell’impianto.

La possibilità di raccolta dati, monitoraggio e analisi circa lo stato del fluido, dei componenti e dell’impianto in genere si traduce in diagnostica, interventi di manutenzione smart e manutenzione da remoto. In altre parole: Life Cicle Cost Management. Puoi approfondire la tematica all'articolo "Efficienza energetica e 4.0 negli impianti oleodinamici". 

La piattaforma Nerve trova potenziali applicazioni nei settori manifatturiero, dell’automazione di processo e nel Power Generation.

 

Per saperne di più leggi "Digitalizzazione dell'oleodinamica: la guida completa"!

Se invece desideri più informazioni in merito all'Industria 4.0, clicca sull'immagine qui sotto e leggi il nostro approfondimento! 

 

Industria 4.0