<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=703708&amp;fmt=gif">

Eolico offshore: i vantaggi e gli svantaggi della tecnologia


Eolico offshore: i vantaggi e gli svantaggi della tecnologia

Posted by Redazione on 22/11/2021

Nuove tecnologie e una riduzione dei costi: sono queste le sfide che attendono il settore dell'eolico per compiere una vera rivoluzione green. Un volano per lo sviluppo del settore è rappresentato dall'adozione dell'eolico offshore: i parchi eolico offshore sono strutture costruite in mare aperto che sfruttano l'energia del vento per produrre energie rinnovabili.

Dagli insight raccolti dal report realizzato da Wood Mackenzie sull'energia eolica, emerge che la capacità eolica mondiale crescerà del 60% entro il 2028: secondo lo studio, la variabile fino al 2023 dovrà mantenersi costante e in media pari a 71 GW, per poi essere in crescita dal 2024 al 2028 con una produzione di 76 GW. In questo articolo mettere l'attenzione sulle prospettive dell'offshore in Italia: come funzionano i parchi eolici offshore e quali sono vantaggi e svantaggi. 

Transizione energetica e fonti rinnovabili? Clicca il bottone qui sotto e ricevi il documento aggiornato!

Transizione energerica

 

Vuoi approfondire il tema della transizione energetica? Clicca qui e scopri la guida completa con gli approfondimenti dedicati ai vettori energetici protagonisti. 

In questo articolo parliamo di: 

Eolico offshore: come funziona

I parchi eolici offshore forniscono energia pulita e rinnovabile, ottenuta sfruttando la forza del vento che si produce in alto mare, dove raggiunge una velocità più elevata e costante rispetto a quella terrestre grazie all'assenza di barriere. Per sfruttare al meglio questa risorsa vengono installate mega-strutture (non a caso si chiamano parchi eolici) posizionate sui fondali e dotate delle più moderne innovazioni tecniche. 

L'Italia ha circa 11.700 chilometri quadrati di coste adatte all'emergere di questa tecnologia: tra le recenti linee guida redatte dal PNIEC, il Piano contenente gli obiettivi nazionali 2030 su clima ed energia, lo sviluppo dell'eolico offshore italiano è uno degli elementi fondamentali per il rinnovamento energetico nazionale. Come si legge nelle linee guida ufficiali del documento: si prevede la  realizzazione di almeno di 900 MW eolici nelle acque mediterranee.

Per raggiungere questi obiettivi, come abbiamo raccontato nell'articolo "Energia eolica: la situazione attuale in Italia" nel "Manifesto per lo sviluppo dell'eolico" si sottolinea come sia necessario un cambio di marcia nell'iter burocratico e nell'approvazione dei nuovi progetti.

 

Eolico offshore: vantaggi e svantaggi

I parchi eolici offshore sono delle vere e proprie centrali per la produzione di energia a prezzi accessibili: creano energia pulita, rinnovabile e rispettosa del clima. Quali sono i principali vantaggi e gli svantaggi connessi allo sviluppo dell'eolico offshore?

Tra i principali vantaggi troviamo:

  • la velocità del vento, in generale è maggiore in mare aperto rispetto che sulla terraferma. Una velocità del vento più elevata significa che viene generata molta più energia in meno tempo.
  • Le velocità del vento offshore tendono ad essere più stabili rispetto a quelle terrestri. Significa che si hanno meno problemi connessi alla turbolenza delle turbine, e i rotori stessi sono sottoposti a meno stress. Ancora, una fornitura di vento più stabile significa avere una fonte di energia più affidabile e non intermittente.
  • Minor impatto ambientale e acustico: generalmente gli impianti eolici offshore sono situati oltre la linea dell’orizzonte visibile. Un impianto in mare aperto, allo stesso tempo riduce, quindi, sia l'impatto visivo sia quello acustico.
  • Non solo turbine eoliche ma veri e propri impianti: la scelta del "sito" in cui installare le turbine eoliche è molto importante. Posizionare in mare aperto la turbina offshore significa poterne posizionare altre nelle immediate vicinanze e creare un parco eolico offshore.
  • Contribuiscono al fabbisogno energetico del territorio: gli impianti eolici offshore, in particolare nei Paesi del Nord Europa, sono situati nelle zone costiere ad alta densità di popolazione, dove l'urbanizzazione del territorio è maggiore e quindi anche la richiesta di energia. In questo senso, le turbine eoliche contribuiscono a soddisfare la domanda del territorio con energia rinnovabile.
    eolico offshore Italia

I principali svantaggi dovuti all'adozione di questa tecnologia sono:

  • l'intermittenza della fonte primaria, come per tutte le energie rinnovabili anche la produzione di energia eolica è soggetta al problema del non costanza del vento. Come già detto, in mare aperto il vento ha una forza maggiore e più stabile per questo motivo l'eolico offshore rimane una delle alternative più promettenti per il rinnovamento energetico. A tal proposito suggeriamo la lettura dell'articolo "I sistemi d'accumulo per l'intermittenza delle fonti rinnovabili".
  • la manutenzione costante e i costi di gestione potenzialmente elevati. L'azione delle onde e anche i venti molto forti, in particolare durante forti tempeste, possono danneggiare le turbine eoliche richiedendo un intervento immediato per ripristinare le corrette funzionalità operative. In questi casi, il tempo di ripristino dell'energia dopo un malfunzionamento può essere maggiore rispetto ai parchi eolici on-shore, a causa dei problemi connessi al trasporto dell'attrezzatura necessaria per eseguire la manutenzione, con un conseguente aumento dei costi di gestione dell'impianto. In fatto aggiornamento degli impianti eolici in Italia rimandiamo all'articolo "Repowering e revamping: gli interventi per gli impianti eolici" in cui vengono approfondite le differenze tra le due tecnologie di manutenzione.
    
 

In conclusione, l'impegno delle istituzioni nazionali ed europee ad incentivare lo sviluppo dell'eolico offshore rappresenta un punto di partenza sostanziale per l'adozione di questa tecnologia; di pari passo, i progressi in ambito tecnologico e ingegneristico fatti negli ultimi anni hanno permesso di apportare migliorie tecniche alle pale eoliche offshore così da risolvere i problemi legati agli urti e all’usura  causati dalle onde del mare o dalla salinità delle acque.

 

Transizione energetica e fonti rinnovabili? Clicca il bottone qui sotto e ricevi il documento aggiornato!

Transizione energerica