<img height="1" width="1" style="display:none;" alt="" src="https://dc.ads.linkedin.com/collect/?pid=703708&amp;fmt=gif">

Le soluzioni HYDAC per lo Smart Farming

04/07/2019 da HYDAC, pubblicato in Smart Farming

Le soluzioni HYDAC per lo Smart Farming

Posted by HYDAC on 04/07/2019

Per rispondere alle nuove normative di settore (di cui abbiamo già parlato in "PAC e Mother Regulation: le normative europee per il settore agricolo") i costruttori di macchine agricole sono chiamati a integrare le più avanzate tecnologie che impongono nuovi standard in materia di sicurezza dell'operatore, dispositivi per il controllo da remoto, efficienza energetica e smart farming.

Ecco una panoramica delle soluzioni HYDAC dedicate all'agricoltura 4.0:

 

Per non perderti gli ultimi aggiornamenti in materia di agricoltura 4.0 e sulle nuove soluzioni disponibili, iscriviti alla newsletter di modofluido, clicca qui sotto!

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

 

Smart farming: connessi al futuro con l’elettro-idraulica

HYDAC_smart_farmingSe alcuni anni fa l’elettronica sui mezzi agricoli era un optional per operatori esigenti oggi è divenuta un must che permette un maggior controllo del veicolo, una maggiore sicurezza e garantisce il comfort in funzione delle necessità di guida: si pensi ai sistemi di sospensioni  idropneumatiche in cui la rigidezza è modulata in funzione delle variazioni del terreno.

L’oleodinamica fornisce la potenza necessaria al sistema idraulico, l’elettronica e le tecnologie di controllo introducono flessibilità, automazione e sicurezza alle macchine agricole e non solo.

Elettronica di misura e controllo

Nella gamma di componentistica HYDAC rientrano, infatti, sensori di pressione, inclinometri ed elettrovalvole che, con dinamiche sempre più spinte ed ingombri minimi, aumentano la sicurezza, l’efficienza delle performance e minimizzano gli ingombri. Tra gli ultimi sensori HYDAC ci sono gli inclinometri HIT 1500 che forniscono misure accurate per la stabilizzazione e il controllo dell’inclinazione di bracci meccanici e dell’assetto del veicolo. La misura è codificata secondo il protocollo CAN open safety adatto per implementare funzioni di sicurezza che richiedono di raggiungere Performance Level D.

Distributori elettro-idraulici

L’integrazione tra meccanica ed elettronica in un unico componente è tangibile nei moderni distributori oleodinamici HYDACLa gamma spazia dai distributori tradizionali a centro aperto a quelli load sensing pre-compensati della moderna serie LX . Questi specifici prodotti sfruttano tutta l’esperienza maturata dall’azienda del gruppo Nord Hydraulic e la sua capacità innovativa e si completano con l’elettronica e il know-how di HYDAC.

La gamma ad attraversamento comprende una decina di modelli che possono incontrare le esigenze della clientela, spaziando dai monoblocco ai componibili, anche quelli semplicemente direzionali possono essere muniti del sensore elettrico di posizione che è già garantito in performance level D e può essere usato in tutte le situazioni in cui serve una particolare sicurezza.

Connessi al futuro, anche da remoto

La possibilità di analizzare con continuità da remoto i valori delle grandezze misurate sul veicolo apre nuove opportunità per ogni stake-holder lungo la catena del valore. È, infatti, fondamentale considerare il valore aggiunto che è possibile ottenere dalle misure acquisite e dai valori elaborati dalle logiche implementate nelle unità di controllo, come la possibilità di attuare una corretta manutenzione predittiva.

La localizzazione dei veicoli è cruciale in termini di sicurezza, controllo del lavoro svolto e protezione dai furti. Essere avvisati tempestivamente degli allarmi macchina da un portale web oppure dalla ricezione di una email o SMS garantisce una veloce reazione in caso di necessità.

Leggi l'articolo completo >

 

Elettroidraulica per l’agricoltura 4.0: misura, controllo, interconnessione e cloud

elttroidraulica_smart_farming

L’elettroidraulica per l’agricoltura 4.0 del futuro è già realtà ed è sintetizzabile in tre classi di tecnologie: misura, controllo e interconnessione, cloud. Infatti, lo sviluppo di sistemi per lo Smart Farming e l’Agricoltura 4.0 è strettamente correlato allo sviluppo di sistemi meccatronici interconnessi, frutto della fusione e dell’evoluzione delle diverse tecnologie.

Entriamo ora nello specifico delle tre classi di soluzioni elettroidrauliche per la digitalizzazione e il controllo da remoto di macchine agricole 4.0. 

 

1. Misura: sensori e interfacce di visualizzazione

Per le moderne soluzioni destinate al nuovo modo di coltivare, come il precision farming, è fondamentale monitorare i valori di alcune grandezze del sistema come l’inclinazione del mezzo, la pressione e la temperatura dell’olio nel circuito idraulico. L’introduzione di sensori e la corretta interpretazione degli output oltre a consentire il monitoraggio delle grandezze permettono al sistema di controllo di intervenire nel momento e nella maniera più opportuni. Le misure, inoltre, possono essere facilmente visionate dall’operatore a bordo della macchina grazie alla presenza di un robusto e userfriendly pannello operatore, il display HY-eVision2, installato nella cabina di comando.

2. Controllo e interconnessione: ecu, architettura decentralizzata e comunicazione full-duplex

L’intero controllo del mezzo è affidato a unità elettroniche di controllo (ECU, HY-TTC) che vengono costantemente aggiornate per essere sempre più performanti e con un numero massimo di 96 I/O.

Per gestire la complessità di controllo dei moderni mezzi agricoli si predilige un’architettura decentralizzata: vengono installate diverse ECU che singolarmente gestiscono sottosistemi e sotto componenti. Questo tipo di soluzione è connessa a diversi vantaggi:

  • riduce i costi di cablaggio,
  • aumenta l’intelligenza a bordo,
  • migliora l’accuratezza delle misure in quanto i moduli di I/O possono essere installati il più vicino possibile ai sensori.

Le diverse unità sono generalmente connesse tra di loro attraverso il protocollo CAN (CAN-bus) che, grazie alla sua robustezza, permette di trasmettere i segnali tra i nodi anche negli ambienti caratterizzati da forti disturbi. I mezzi per l’agricoltura 4.0, però, richiedono un numero sempre maggiore di componenti da gestire e da connettere per cui l’ampiezza di banda del CAN non sempre è sufficiente per garantire la necessaria e fondamentale comunicazione tra le singole ECU.

3. Cloud: le informazioni su una nuvola e sul proprio dispositivo

Riduzione dei costi di manutenzione, ottimizzazione delle risorse, monitoraggio e diagnosi della macchina sempre e ovunque: questi sono solo alcuni dei requisiti richiesti dall’attuale mondo delle macchine agricole nell’era dell’Internet of Things. Questi requisiti lasciano emergere la necessità di:

  • un’interfaccia tra sistemi di controllo macchina e cloud;
  • un’infrastruttura che faciliti l’accesso ai dati archiviati.

Connettere la macchina al cloud e gestire i dati può essere effettuato in semplicità grazie all’installazione del dispositivo TTConnectWave: un’interfaccia che permette di connettere la macchina al cloud via wireless oppure utilizzando una rete mobile 3G 4G.

Leggi l'articolo completo >

 

Scegliere HYDAC: il vantaggio di un'impresa che guarda al futuro

HYDAC_Smart_Farming

Abbiamo visto come l’evoluzione verso lo smart farming e l’agricoltura 4.0 siano strettamente interconnesse alle normative e agli andamenti dei mercati globali. In questo costante aggiornamento del sistema macchina, risulta fondamentale la cooperazione con fornitori in grado di anticipare le tecnologie richieste dal mercato e di personalizzare l’offerta. 

HYDAC collabora con i principali costruttori di macchine agricole a livello mondiale e locale per offrire soluzioni elettro-idrauliche standard e personalizzate realizzate per accorciare le distanze tra l’avanguardia tecnologica desiderata e la disponibilità reale dell’innovazione sul mercato.

Ma chi è Hydac?

HYDAC S.p.A. è la filiale italiana del gruppo multinazionale tedesco HYDAC GmbH, costruttore di componentistica e sistemi oleodinamici ed elettroidraulici di fama internazionale. Presente in 55 Paesi del mondo, con siti produttivi disseminati in oltre 11 Paesi, conta oltre 9.000 addetti, 80 dei quali operano per la realtà italiana a stretto contatto con tecnici, costruttori, impiantisti, manutentori in ogni ambito interessato dall’azionamento oleodinamico. L’impresa sviluppa da anni applicazioni avanzate e customizzabili per il settore agricolo, al fine di dare risposte sempre più mirate ai produttori e agli utilizzatori di macchine mobili.

HYDAC: presenza e trasversalità nei mercati

HYDAC S.p.A è situata ad Agrate Brianza (MB) e conta 5 uffici regionali e diversi home office anche attraverso i quali collabora con più di 1.000 clienti sparsi nel territorio nazionale. I tecnici di vendita e i responsabili di settore, grazie all’approfondita conoscenza dei mercati e alla vicinanza alle diverse realtà italiane, sono in grado indirizzare il cliente all’innovazione tecnologica ed all’efficacia ed efficienza dei sistemi e dei componenti idraulici.

HYDAC: soluzioni customizzate ad elevato know-how tecnologico

La continua condivisione di know-how con le diverse divisioni di R&D della casa madre, la presenza dell’ufficio tecnico italiano e la conoscenza approfondita delle soluzioni dei responsabili di prodotto permette la realizzazione di soluzioni standard ad elevato contenuto tecnologico e su misura.

HYDAC: presenza Globale, esperienza Locale

La filiale italiana conta su una rete commerciale distribuita su cinque uffici regionali situati a Torino, Milano, Brescia, Padova e Reggio Emilia. Questo garantisce il perseguimento di una strategia glocale: la capillarità rende l’impresa distintiva nel saper applicare alle specifiche esigenze locali un’esperienza di natura internazionale.

HYDAC: ricerca e sviluppo

L’impresa è parte di un grande gruppo multinazionale, che operando con i principali player a livello globale, è in grado di fornire la massima innovazione tecnologica possibile in linea con i nuovi trend imposti dall’agricoltura 4.0Brevetti e certificazioni attestano, inoltre, la propensione all’innovazione continua, oltre che l’elevata qualità dei prodotti.

Leggi l'articolo completo >

 

Sospensioni idropneumatiche HYDAC e Caron per la gamma CTS: una storia di successo

Sospensioni_idropneumatiche_HYDAC

In molti hanno parlato dei nuovi Transporter di Caron, che per le loro elevate performance rappresentano l’ennesimo fiore all’occhiello nella gamma mezzi di trasporto fuoristrada dell’azienda vicentina.

I sistemi di sospensione idropneumatica CHS – Caron Hydropneumatic System, che assicurano stabilità e sicurezza al mezzo, sono il risultato di uno sviluppo tecnologico integrato con HYDAC. Ne abbiamo parlato con Luca Tibiletti, Sales manager Agricoltural Machines, di HYDAC S.p.A.

CARON costruisce dal  1960 mezzi fuoristrada, a cosa è dovuta la fama internazionale di questa azienda?

Caron è il marchio distintivo di qualità ed eccellenza italiana nella produzione di veicoli di trasporto fuoristrada. L’azienda, che a breve compirà 60 anni, gode di fama internazionale per l’attenzione che è riuscita a porre sulle esigenze dell’operatore già in fase di progettazione, un’attenzione tale da rendere i propri veicoli una garanzia di efficienza, comfort di guidasicurezza e qualità.

Cosa contraddistingue i modelli CT, CTA E CTS della nuova serie?

In sintesi potremmo dire che sono stati costruiti per affrontare innumerevoli impieghi durante tutto l’arco dell’anno e che, con una velocità massima omologata fino a 60 km/h, si prestano davvero a tutto. Si tratta, infatti, di veicoli da trasporto fuori strada innovativi e versatili, realizzati per essere affidabili e performanti in condizioni di lavoro particolari, e il modello CTS rappresenta la punta di diamante della nuova gamma.

Lei ha lavorato a fianco di Caron nello sviluppo del sistema di sospensioni CHS, quali erano le esigenze delle loro nuove macchine e come li avete supportati? 

Il punto di forza delle soluzioni Caron sta nella capacità di realizzare soluzioni in grado di unire prestazioni eccezionali sulle grandi pendenze ma anche in tragitti stradali, con carichi impressionanti rispetto alla dimensioni (fino a dieci tonnellate). Parliamo di macchine eccezionalmente performanti, tanto quanto meccanicamente complesse. Per questa ragione, il cliente aveva la necessità di dotare la macchina di un sistema di sospensioni che, oltre a garantire il massimo comfort di guida, stabilità e sicurezza all’operatore, fosse perfettamente complementare al sistema macchina CTS. 

Quali sono le caratteristiche e i vantaggi di questo sistema? 

Questa soluzione è stata una perfetta e riuscita integrazione di idraulica, elettronica di comando e sicurezza tramite l’impiego di sensoristica che permette un monitoraggio del contatto con la strada. Si tratta di un sistema di sospensioni idropneumatiche composto da cilindri - accumulatori - manifold idraulici - sensori e un’evoluta elettronica di controllo, abbinato a una geometria a triangoli sovrapposti, che permette di mantenere ogni singola ruota costantemente perpendicolare al terreno in ogni condizione di carico e di pendenza.

HYDAC e Smart Farming

Potendo utilizzare economie di scala derivanti dalla ricerca di innovazione effettuata anche per altri settori del Gruppo, HYDAC sviluppa soluzioni per supportare a 360° i produttori di macchine agricole con sistemi e un'ampia gamma di prodotti: sensori elettronici per il controllo di pressione, temperatura e livello dell’olio, accumulatori idropneumatici, comando di sistemi elettroidraulici, sospensioni attive e di sterzatura, scambiatori di calore (aria-olio e combi) per il controllo delle temperature nei circuiti oleoidraulici, sistemi di filtrazione in linea, di ritorno su serbatoio e combinati, filtri aria, indicatori d’intasamento e accessori. 

La piramide HYDAC: dai componenti ai sistemi integrati

Uno degli aspetti cardine della filosofia di HYDAC è l’approccio orientato a investire importanti risorse per offrire soluzioni che non sono solo componenti, ma veri e propri sistemi integrati in grado di svolgere differenti funzioni nella macchina.

Il numero di prodotti offerti è cresciuto di pari passo con le dimensioni dell’azienda, che ha saputo diventare un importante gruppo a livello mondiale. Con una piramide, quindi, si può rappresentare graficamente la capacità di HYDAC di approcciare i sistemi completi e complessi di automazione in totale integrazione con componenti oleodinamici, elettronici ed informatici. Alla base della piramide si trova il livello degli attuatori e, salendo, troviamo quello dei sensori o control level, per giungere poi al vertice con lo user level.

Leggi l'articolo completo >

 

TTConnect Wave e TTConnect Cloud Service: le soluzioni HYDAC per connettere i mezzi al cloud

HYDAC_soluzioni_smart_farmingAcquisizione e invio dei dati, connessione e accesso remoto sono le azioni base per il raggiungimento di soluzioni all’avanguardia nel mondo dell’off-highway nell’era 4.0. Internet of Things e sistemi telematici per il mondo mobile consentono agli utenti, come OEM (Original Equipment Manufacturer) e compagnie di noleggio veicoli, di monitorare e seguire una diagnosi remota delle loro macchine in maniera più efficiente. Integrare nel mezzo una piattaforma IoT completa, che include un gateway, TTConnect Wave, e una soluzione cloud, TTConnect Cloud Service, permette di connettere con semplicità e sicurezza i veicoli al cloud. La soluzione permette applicazioni che spaziano dal semplice monitoraggio remoto e data logging dei dati a quelle più avanzate come la prognostica e la manutenzione preventiva.

Il gateway: TTConnect Wave

La TTConnect Wave è un robusto e potente gateway (TTControl) che connette il veicolo al cloud via wireless oppure attraverso una connessione dati cellulare. Il traffico dati, garantito dalla sim card machine to machine, è privato per garantire la sicurezza dei dati. La ridondanza delle interfacce di connessione consente di ottimizzare l’invio dei dati che, in caso di assenza di rete, sono storicizzati nella memoria di bordo e inviati al cloud non appena il veicolo torna in una zona con presenza di campo. La TTConnect Wave, installata sul veicolo, deve essere collegata all’unità elettronica di controllo (ECU) attraverso il CAN bus, così ottiene le misure rilevate dai sensori e quelle di diagnosi della ECU. Il gateway può inviare al cloud anche le informazioni di posizione del veicolo grazie all’interfaccia GNSS. 

La soluzione cloud: TTConnect Cloud Service

Il TTConnect Cloud Service è un portale web dal quale è possibile impostare e gestire i parametri della TTConnect Wave e delle unità elettroniche di controllo presenti sulla macchina, archiviare e visualizzare i dati inviati al cloud. Non è necessaria nessuna particolare competenza in programmazione per settare il sistema, infatti esso può essere configurato facilmente attraverso elementi grafici drag and drop.
Un singolo account può gestire diversi gateway e per ogni TTConnet Wave possono essere create diverse dashboard, le quali possono essere personalizzate con widgets opportuni. Infatti l’utente, in funzione delle grandezze misurate, può scegliere l’elemento grafico migliore, per una lettura chiara ed immediata. Spesso, infatti, una rappresentazione poco intuitiva delle misure può vanificare il processo di acquisizione.

Leggi l'articolo completo >

 

Queste e molte altre sono le innovazioni messe in campo dagli esperti HYDAC per far fronte alle evoluzioni imposte dall’Industria 4.0. Per ricevere una consulenza personalizzata sulle soluzioni HYDAC dedicate allo Smart Farming clicca il bottone qui sotto e contatta il nostro team di esperti!

 

Contattaci